Peace Walking Man Foundation
MARCIA “REGGIO EMILIA – HELSINKI”
Presentazione della marcia
La “Marcia Reggio Emilia – Helsinki” (#MarciaReggioHelsinki) fa seguito ad una serie di marce organizzate dal 2010 per sensibilizzare l'opinione pubblica circa il dramma che
vive il popolo congolese.
Da circa 20 anni si combatte nella Repubblica Democratica del Congo (ex Congo Belga, ex Zaire), ma si combatte in silenzio. Si parla infatti di una guerra di bassa intensità ma che, secondo stime di molte organizzazioni internazionali quali ad esempio il Consiglio di
Sicurezza dell'Onu e Human Rights Watch, ha già fatto circa 8 milioni di vittime e circa 4 milioni di donne che hanno subito violenze sessuali usate come arma di guerra.
Un documento ufficiale degli esperti del Consiglio di Sicurezza dell'Onu, il “Mapping Report”, pubblicato il 1 ottobre 2010, ipotizza che sia stato commesso un genocidio silenzio nella RD Congo ma, purtroppo, che a nessuno interessi indagare in quanto l'unico interesse è quello economico.
Infatti, la RD Congo, grande quanto tutta l'Europa occidentale, è ricca di ogni tipo di minerale e fonte di energia. Ma il minerale di cui si parla molto oggi e che ha creato un dramma di cui possiamo e dobbiamo considerarci tutti corresponsabile è il coltan.
Coltan = COLumbite + TANtalite, una lega/combinazione di 2 minerali che si presenta in natura sotto forma di sabbia nera, un minerale prezioso ed indispensabile per la tecnologia di ultima generazione. Da esso si estraggono il niobio, usato nell'industria metallurgica, ed il pregiato tantalio, un metallo duro, pesante, duttile, malleabile e resistente, inattaccabile dagli acidi, un ottimo conduttore che serve alla realizzazione di ottimi micro condensatori. Il tantalio serve ad aumentare la potenza e ridurre il consumo della corrente elettrica nei dispositivi elettronici quali i cellulari, i videogiochi, computer, ecc. Si potrebbe dire che, oggi, coltan = tecnologia. Purtroppo, anche se oggi si estrae il coltan in Australia, Canada e Sud-America, le ultime stime dicono che l'80% delle riserve mondiali di coltan sono nelle regioni orientali della RD Congo
Obiettivi della marcia
L'obiettivo principale di questa serie di marce è sempre la sensibilizzazione dell'opinione pubblica affinché si sappia quanto sfruttamento e schiavitù c'è dietro la nostra tecnologia,
nella la speranza che insieme si possa lavorare e cercare delle soluzioni.
La marcia è una modalità di protesta, non violenta, che permette di lavorare dal basso verso l'alto, dai cittadini verso le istituzioni. Il target privilegiato sono i giovani, le scuole e
università, le associazioni, luoghi di culto, gruppi di aggregazione vari, prima ancora di arrivare alle istituzioni.
Oltre l'obiettivo principale che è quello di sensibilizzare l'opinione pubblica, con
#MarciaReggioHelsinki si intendiamo:
• Attirare l'attenzione dell'opinione pubblica e soprattutto della comunità internazionale sul prossimo svolgimento delle elezioni presidenziali nella RD Congo, fissate al 27 novembre 2016Si chiede quindi alla comunità internazionale di non continuare a sostenere Joseph Kabila, un dittatore, che pure di avere un terzo mandato, incostituzionale, non ha esitato lo scorso gennaio a fare massacrare un centinaio di ragazze e ragazzi che si opponevano al cambio della costituzione e la fossa comune di 425 corpi, recentemente scoperta vicino la capitale Kinshasa, sembra darne la prova. La comunità internazionale parli ed agisca oggi o taccia per sempre.
• Richiedere la creazione di un tribunale internazionale per giudicare i crimini di guerra e crimini contro l'umanità commessi dai vari soggetti ed attori implicati in questo eccidio
• Richiedere che le multinazionali rispondano della responsabilità sociale e penale delle conseguenze delle loro azioni
• Richiedere alla comunità internazionale una buona legge sulla tracciabilità dei minerali che possa, in modo inequivocabile, imporre a tutti i produttori di dispositivi elettronici che contengono coltan o altri minerali di sangue (oro, cassiterite, cobalto, tungsteno) di dimostrare l'origine esatta dei minerali che hanno usato. Tale legge dovrebbe controllare la filiera di questi minerali dall'estrazione alla fabbricazione degli apparecchi elettronici e dovrebbe comminare sanzioni a chi continua ad usare minerali insanguinati.
• Richiedere il ritiro o quantomeno ridiscutere il ruolo e gli obiettivi della MONUSCO, il contingente ONU operativo nella RD Congo dal 1999, il più numeroso e più costoso del suo genere, da sempre, che doveva aiutare a risolvere i problemi e fare finire la guerra ma che molto spesso è parte del problema e spesso coinvolto in vari scandali
• Richiedere l'istituzione di un osservatorio internazionale per la tutela dei diritti umani nella RD Congo
• Dare voce a vari popoli senza voce e denunciare vari situazioni di sfruttamento economico di alcune popolazioni e paesi da parte delle multinazionale che usano la guerra come mezzo per arrivare al loro obiettivo primario
• Ribadire che non si costruisce la pace con la guerra e che bisogna preparare la pace si vuole la pace. Bisogna fare cessare le armi e privilegiare il dialogo e la difesa civile.
Tappe e date della marcia
La #MarciaReggioHelsinki parte da Reggio Emilia domenica 3 maggio 2015, domenica 10 maggio si ricongiungerà, a Padova, alla seconda edizione della “Marcia
della Speranza per la Pace nella RD Congo” e venerdì 15 maggio, a Rovereto con la “Marcia della Legalità” dalla città di Rovereto alla Campana dei Caduti.
#MarciaReggioHelsinki arriva a Udine venerdì 29 maggio ed a Trieste giovedì 4 giugno. La marcia lascerà l'Italia verso il 10 giugno verso Vienna, Cracovia, Varsavia per poi continuare verso Helsinki.
Allo stato attuale dell'organizzazione (oggi martedì 24 marzo 2015), saranno toccati 10 paesi: Italia, Slovenia, Austria, Repubblica Ceca, Slovakia, Polonia, Lituania, Letonia, Estonia, Finlandia.
Sabato 2 maggio 2015 sera, a Reggio Emilia, sarà organizzato un evento istituzionale
per la presentazione della marcia.Marce organizzate
• 2010: Santiago de Compostela (Spagna)
• 2011: Reggio Emilia – Roma
• 2012: Reggio Emilia – Bruxelles (via Parlamento E. a Strasburgo), Perugia – Assisi
• 2013: Reggio Emilia – Parma per la Sardegna
• 2014: Reggio Emilia – Padova, Reggio Emilia – Verona, Reggio Emilia – Reggio Calabria
Organizzatore della marcia
John Mpaliza, attivista per la pace, cittadino italiano di origine congolese, in Italia dal 1993, ingegnere informatico, toccato dal dramma della sua terra di origine ha deciso di cominciare a camminare coinvolgendo e sensibilizzando più gente ed istituzioni possibile. Oggi si dedica completamente a queste attività, avendo abbandonato ogni altra attività, compreso il lavoro, l'estate scorsa.
Chiamato Peace Walking Man, con la “Peace Walking Man Foundation” organizza le marce insieme alle istituzioni locali (Provincia e Comune di Reggio Emilia, una decina di comuni del reggiano, Provincia e Comune di Bologna, altri vari comuni e province), nazionali (Senato della Repubblica, nel 2012) ed organizzazioni della società civile (Scuola di Pace di Reggio Emilia, Centro Missionario di Reggio Emilia) che patrocinano moralmente questi eventi di pace.
Segnaliamo l'importantissimo patrocinio ed accompagnamento da parte della rete Libera International e del Senato della Repubblica Italiana.
A queste marce partecipa chiunque ne abbia voglia, singoli o gruppi, scuole, associazioni, istituzioni, cittadini del mondo, piccoli e grandi.
 
 
Informazioni
Promo “MarciaReggioHelsinki”: https://youtu.be/nJdMIUncCNA
Link TG Leonardo (Rai 3): http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-
0cf022cc-d94e-438e-971a-591c6080e05e-tgr.html?refresh_ce#p=0
Intervista prima della marcia: https://www.youtube.com/watch?v=fbdqSCivvaQ
Coltan su Repubblica:
http://www.repubblica.it/solidarieta/emergenza/2013/07/19/news/il_costo_del_coltan-
63325505/
Tante altre interviste qui: https://www.youtube.com/results?search_query=mpaliza
Contatti
• Nome: John Mpaliza Balagizi
• Mail:
• Telefono: +39 3204309765
• FB1: www.facebook.com/john.mpaliza
• FB2: www.facebook.com/peacewalkin

Donazioni

Cassa Rurale
 
 

Go to top